Virtus Entella: la quiete dopo le “tempeste”

tifosi Virtus EntellaDue situazioni differenti hanno smosso negli  ultimi giorni le acque nella tranquilla piazza della Virtus Entella, la squadra “da favola” di Chiavari (GE)

Sono bastate poche parole scritte su un foglietto “dimenticato” sulla panchina di competenza biancoazzura allo stadio “Matusa” di Frosinone (foglietto dove ci sarebbe stato scritto “pareggeremo su rigore”) a far scoppiare un “caso Virtus Entella”, caso subito smontato dal Direttore Generale dei liguri, Matteo Matteazzi, che ha spiegato in un comunicato ufficiale come quello altro non fosse che un foglietto ove il team manager della Virtus Entella, Maurizio Podestà, teneva una sorta di “accurato live match per conto dello staff tecnico”.

Tale foglietto conteneva dunque, al minuto corretto, la frase “segniamo su rigore” e come spiegato dallo stesso team manager “Al triplice fischio, nell’atto di festeggiare l’insperato pareggio ottenuto, il secondo foglio mi è caduto, restando presumibilmente nelle vicinanze della panchina di competenza della Virtus Entella dello stadio Matusa”.

Tutto chiarito dunque, ma in casa chiavarese è arrivato un altro ciclone: l’arresto “lampo” del patron Gozzi per corruzione nell’ambito di un’inchiesta su presunte tangenti pagate in Congo ad alcuni ufficiali pubblici per ottenere appalti (nulla a che vedere con la Virtus Entella dunque).

Su questo arresto il dg chiavarese a SKY ha precisato:“Il nostro Presidente si è recato in Belgio per una dichiarazione spontanea in merito all’ipotesi di corruzione in Congo della quale è stato accusato. La giustizia belga ha voluto continuare a parlare con lui. Non è un arresto ma un semplice interrogatorio con la giustizia belga. Questa tipologia di fermo non è conosciuta in Italia e per questo siamo rimasti stupiti. Entro venerdì farà ritorno in Italia, lo aspettiamo per la partita”. Tale spiegazione è stata fornita dal club anche tramite un comunicato sul sito ufficiale.

Dopo le due “tempeste” sembra dunque poter tornare la quiete per la società biancoceleste e per i ragazzi di mister Prina che potranno concentrarsi ancor meglio sull’impegno che li aspetta Sabato pomeriggio al “Comunale” contro il Catania.

E speriamo che a Chiavari, ora, si possa tornare a parlare solo di calcio giocato.

Dimitri Petta

 

Precedente Un(a) Barça in alto mare Successivo Parma FC: il crollo continua (e non sul campo)

Lascia un commento

*