L’ultimo Viperetta 2014 tra auguri e veleno

cassano tapiro futuro quagliarella sampdoria,ferrero,viperetta,decaduto viperetta soluzione dejà gufata genova sport stadio direttiva coincidenzeAnche nel mondo del calcio è arrivato il momento degli auguri di Natale ed anche stavolta c’è un Presidente che è spiccato più di tutti unendo ai classici auguri una punta di “veleno”: sto  ovviamente parlando di Massimo “Viperetta” Ferrero, presidente della Sampdoria.

Agli auguri di Natale in collegamento con la Rai, il numero 1 blucerchiato ha infatti aggiunto un commento, degno del proprio soprannome, riguardante la sua inibizione di 3 mesi causata dalle sue dichiarazioni (fatte proprio in Rai) sul presidente dell’Inter Erick Thohir definito dal Viperetta in quell’occasione “quel filippino” (tra le altre cose Thohir è indonesiano, ma questo è un dettaglio geografico). Queste le sue dichiarazioni rese ieri:“Voglio ringraziare tutti per avermi accolto in questo mondo fantastico. Faccio a tutti tanti auguri di Natale. Inibizione? Non possono togliermi il pensiero. Mi hanno umiliato, sono una persona che viene dal nulla e morirò nel nulla”.

Premettendo che definire un’umiliazione il fatto di essere stati inibiti per una frase (probabilmente detta ingenuamente) che in effetti poteva sembrare eccessiva e/o offensiva, mi chiedo ancora di più dove finisca il personaggio di “Er Viperetta” (sul quale ormai è chiaro che il presidente blucerchiato stia giocando) e dove inizi il “vero” Massimo Ferrero.

Qualunque sia, se esiste, la risposta a questa domanda, voglio rinnovare la mia richiesta – desiderio al presidente Ferrero aldilà della mia fede calcistica: spero infatti ancora di conoscerlo (magari torvando la risposta tanto cercata) e soprattutto continuo a sperare che lui non faccia mai mancare le sue uscite, magari stando più attento onde evitare altre inibizioni. Continuo infatti a pensare che anche queste facciano parte del lato bello del calcio.

Auguri Viperetta

Dimitri Petta

 

Precedente Supercoppa: l'ultimo "atto" prima di Natale Successivo Una direttiva per stadi più sicuri, ma...

Lascia un commento

*