UEFA: nuova competizione, non senza dubbi

competizione differenze campionati avversario assenzeUna nuova competizione per Nazionali è pronta a partire: si chiama UEFA Nations League e “sostituirà” le amichevoli internazionali dando agli incontri di questo tipo un tono maggiormente ufficiale.
La data di esordio è prevista per il Settembre 2018, ma la formula della nuova competizione è già stata resa nota ed ha creato in me non pochi dubbi, ma andiamo con ordine…

COME FUNZIONA LA NUOVA COMPETIZIONE?

Come si legge sul sito UEFA, al nuovo torneo parteciperanno tutte e 55 le federazioni nazionali affiliate, suddivise in quattro leghe in base alla loro posizione nel Ranking UEFA Coefficienti per Squadre Nazionali al termine delle Qualificazioni Europee alla Coppa del Mondo FIFA 2018 (11 ottobre 2017 spareggi esclusi).

La suddivisione verrà fatta in questo modo: la Lega A comprenderà le prime 12 squadre del ranking. Le 12 successive saranno nelle Lega B, le 15 successive nella Lega C e le restanti 16 nella Lega D.

Questo comporta anche una diversa composizione dei gironi formanti le quattro Leghe: le prime due saranno infatti formate da quattro gironi da tre squadre, la terza sarà formata da un girone da tre squadre e da tre gironi da quattro squadre, mentre la quarta sarà formata da quattro gironi da quattro squadre.

Le gare si giocheranno in casa e in trasferta tra settembre e ottobre 2018 (le squadre giocheranno quattro o sei partite a seconda della grandezza del loro girone) ed ovviamente ogni girone avrà la sua squadra vincitrice, cosa non di poco conto: infatti, le quattro vincitrici dei gironi della Lega A si qualificheranno per le Finali della UEFA Nations League, che si disputeranno nel giugno 2019, con due semifinali, una finale per il terzo posto e la finalissima.

La squadra organizzatrice di questa fase della competizione verrà selezionata dal Comitato Esecutivo UEFA nel dicembre 2018 tra le squadre finaliste; le vincitrici dei gironi delle altre Leghe otterranno la promozione alla Lega superiore e le squadre ultime classificate nei gironi delle Leghe A, B, C subiranno la retrocessione.

QUAL E’ IL DUBBIo SULLA NUOVA COMPETIZIONE?

Fino a qui tutto normale e infatti il dubbio riguarda altro.

Il regolamento prevede infatti che quattro delle 16 vincitrici dei Gironi della nuova competizione si qualifichino, tramite dei veri e propri Playoff, all’Europeo (in questo caso Euro2020, ndr) ma nello stesso tempo le nazionali saranno impegnate negli ormai classici incontri legati ai Gironi di Qualificazione all’Europeo, dai quali usciranno le altre 16 squadre partecipanti alla competizione continentale estiva.

In questo quadro, se eventuali “doppie qualificazioni” vengono risolte da un’apposita regola, il dubbio è: non si crea, con tutti questi impegni delle nazionali, un danno ai club che perdono per così tanto tempo i loro giocatori rischiando di “subire” tra l’altro un ulteriore danno legato agli infortuni?

Ho paura che dovremmo prepararci ad una “rivoluzione dei club”, voi cosa ne pensate?

Dimitri Petta

Qui la spiegazione del format della competizione

Il calcio a ruota libera è anche su Facebook: https://www.facebook.com/ilcalcioaruotalibera

Precedente Pellegri, il sogno, il nuovo record Successivo Shakhtar: l'esempio di Srna e una speranza

Lascia un commento

*