Sponsor sulle maglie: tra polemiche e possibili soluzioni

 

numeri sponsorOgni anno (o quasi) è la stessa storia: i tifosi non vogliono sponsor a “deturpare” la sacralità della maglia oppure se proprio gli sponsor di maglia devono esserci, per motivi soprattutto economici, si spera sempre che non “contrastino” graficamente col resto della maglia.

Io non sono prettamente un “purista” delle maglie, ma pur pensando che gli sponsor possano esserci, concordo con coloro che non vogliono “pugni negli occhi” ma una sorta di ” coerenza grafica” rispetto al resto della maglia.
Proprio per questo motivo proporrei alle squadre di fare due diversi contratti con due sponsor divers uno per maglia (casa e trasferta).

Ora, so che questa affermazione può essere criticata facilmente: in questo momento di crisi, poche aziende accetterebbero di spendere una cifra X senza avere nemmeno la certezza di quante volte il proprio marchio sarà “esposto” al pubblico.
Tutto vero, ma se negli accordi con i due sponsor ci fosse la cifra complessiva dimezzata (quindi stesso incasso che la società ricaverebbe da uno sponsor solo) questo problema sarebbe risolto e se la visibilità dei due marchi venisse equamente divisa anche il secondo punto problematico cesserebbe di essere tale.

Ultimo problema sarebbe dunque quello grafico, ma anche questo sembra facilmente risolvibile: a seconda della grafica delle maglie, le varie società potrebbero scegliere gli sponsor, o meglio i marchi, più adatti anche a livello cromatico.

La mia è solo una proposta, forse fantasiosa, ma chissà che in un calcio che sembra sempre volersi rinnovare, qualcuno non possa trasformarla in realtà.

E voi che ne pensate?

Dimitri Petta

PS: ovviamente la foto è stata scelta a solo titolo esemplificativo degli sponsor sulle maglie, nulla contro il PSG ef i suoi tifosi…

Precedente Conte,Tavecchio e le nubi Federali Successivo Parma: la crisi del calcio italiano in una sola società

Lascia un commento

*