Pellegri, il sogno, il nuovo record

pellegri cassano tapiro futuro quagliarella sampdoria,ferrero,viperetta,decaduto viperetta soluzione dejà gufata genova sport stadio direttiva coincidenzePietro Pellegri, giovane punta centrale del Genoa è calcisticamente maturato nel Genoa fino ad arrivare lo scorso anno ad esordire in Serie A all’Olimpico di Torino ( 22 dicembre 2016, Torino-Genoa 1-0) prendendosi il record di più giovane esordiente nel massimo campionato al pari di Amedeo Amadei (15 anni e 280 giorni).

Qualche mese dopo un nuovo record: Pellegri è riuscito infatti a segnare il suo primo gol nel suddetto campionato allo stadio Olimpico contro l’ultima Roma che ha visto in campo Francesco Totti (28 maggio 2017, Roma – Genoa 3 – 2) diventando il terzo più giovane marcatore della massima serie dopo Amadei e Rivera  nonché il secondo e più giovane calciatore nato negli anni 2000 ed il primo nato nel terzo millennio a marcare una rete nei maggiori campionati europei (il primo fu, neanche 24 ore prima, lo juventino Kean, ndr).

Chi credeva che il giovane talento rossoblu si sarebbe fermato qui si è evidentemente sbagliato: durante la gara casalinga persa ieri sera dal Genoa contro la Lazio per 2 a 3, Pellegri ha infatti segnato una doppietta sotto la “sua” Gradinata realizzando un sogno personale (come lui stesso ha ammesso), facendo commuovere il padre Marco (attuale team manager del Grifone, ndr) e diventando, a 16 anni e 112 giorni, il calciatore più giovane a realizzare una doppietta nella storia della Serie A (il precedente record apparteneva a Silvio Piola, già diciassettenne ndr).

Di certo Pellegri è ancora all’inizio del suo percorso e deve ancora crescere e lavorare tanto, ma lui stesso sembra pienamente consapevole di tutto ciò, tanto da dichiarare nel post partita di non attendersi nulla dalle prossime partite e che penserà solo ad allenarsi per essere pronto.

A questo punto non mi resta che dire: forza Pietro, continua così!!!

Dimitri Petta

Il calcio a ruota libera è anche su Facebook: https://www.facebook.com/ilcalcioaruotalibera

Precedente E. League, Atalanta e Sassuolo: ci sono differenze Successivo UEFA: nuova competizione, non senza dubbi

Lascia un commento

*