Parma-Torino a rischio: da Venerdì la decisione

manenti anche giallo Parma-Torino Ghirardi cassano manenti league crollo non manent Parma Calcio Taçi Parma Calcio 1913 leagueDella possibilità nefasta che ParmaTorino potesse non essere disputata avevo già parlato citando le dovute fonti e soffermandomi anche su quelle che erano le indiscrezioni sui possibili scenari che andavano dipingendosi in caso questa possibilità si fosse tramutata in realtà.

E se già tali indiscrezioni non sembrano portare buone nuove, ad aggravare i sentori rendendoli ancor più concreti ci ha pensato il capitano del Parma Alessandro Lucarelli che a fine allenamento ha dichiarato in merito:”Siamo in alto mare. Se si rischia di non giocare? Vediamo. Per quanto riguarda il presidente la cosa non mi sorprende visto il personaggio. Vediamo cosa succede domani, noi non abbiamo mai avuto fiducia in Manenti, speravamo che riuscisse a darci una mano. Può essere che domani chiudiamo bottega e se non ci sarà l’esercizio provvisorio… Io penso solo al Parma ma non c’è fine alla vergogna.  Se domani falliamo si chiude tutto e si rischia di non giocare. A oggi è tutto in alto mare”,

Dal canto suo il sindaco Pizzarotti non ha escluso la possibilità che Parma-Torino si giochi, specificando però a RadioParma:“Mi auguro che per il futuro tutto possa andare per il meglio, magari con una cordata credibile e vicina al territorio. La squadra attualmente gestita non può essere salvata, non possono esserci più dubbi. Attendo domani per sapere se continuare a lavorare o meno. La possibilità di poter giocare scatta da venerdì, in seguito a quello che succederà domani”

La cordata auspicata dal sindaco di Parma potrebbe ancora essere, secondo alcune indiscrezioni raccolte da Sky, quella dell’imprenditore Alessandro Proto: tale pista sarebbe stata riaperta dall’uscita di scena di Manenti oltre alla possibilità di rallentare il possibile fallimento del club ducale.

La situazione, quindi, è tutt’altro che definita.

Dimitri Petta

 

Precedente Parma FC: il crollo continua (e non sul campo) Successivo Europa "dimezzata", Italia "felice"?

Lascia un commento

*