Maradona: ufficiale l’incarico FIFA. Aspettando Napoli?

Dopo aver criticato più volte ed aspramente l’ormai ex presidente FIFA Joseph Blatter e forse in attesa di poter ufficializzare il ruolo di ambasciatore del suo amato Napoli, Diego Armando Maradona ha ufficializzato nei giorni scorsi tramite i propri social di aver accettato un’incarico all’interno del massimo organo calcistico mondiale: la FIFA appunto.

Sono solitamente portato all’ironia, specie in questo periodo, ma in questo caso non riesco a non essere serio ed a non vedere in tutto questo la chiusura di un cerchio. Ma andiamo con ordine.

Il 57enne argentino, ex ct della Nazionale argentina ed indimenticato ed indimenticabile numero 10 del calcio mondiale dai vari soprannomi (da Pibe de oro a Mano de Dios a D10S), si era candidato due anni fa alla presidenza del massimo organo mondiale riguardante il suo sport fallendo però la corsa all’incarico che l’avrebbe portato a sostituire Blatter:  ho poco sopra parlato di “cerchio che si chiude” proprio in considerazione di questo percorso iniziato con le critiche e proseguito con la candidatura.

Tutto giusto e lecito, ci mancherebbe, ma mi chiedo se non ci fosse già qualcosa di “studiato” sotto. Mi spiego meglio: una volta che il “bersaglio” delle sue critiche è stato allontanato dalla FIFA, il “Pibe de oro” si è riavvicinato al massimo organo calcistico costruendo, a quanto pare, un buon rapporto con l’attuale presidente Gianni Infantino, sino ad arrivare al rapporto di collaborazione ufficializzato su Facebook nella giornata di Giovedì.

Che la mia impressione sia giusta o meno, non mi resta che fare l’in bocca al lupo a Maradona per il nuovo incarico, sperando che i buoni propositi annunciati nel post riportato qui sopra possano essere rispettati e portati a termine da lui e dall’intero massimo organismo del calcio mondiale.

W il calcio, soprattutto quello pulito.

Dimitri Petta

 

Precedente Cagliari e il "triangolo" non considerato Successivo Danni alle auto: da Pescara ad Avellino la nuova "moda" della violenza nel calcio

Lascia un commento

*