L’ultimo “esonero” di Zamparini è il suo

aquile Skype palermo zamparini baccaglini società 2016 caso Integritas CapitalMaurizio Zamparini non è più il presidente del Palermo e questo porta almeno a due conseguenze storiche per il club

Il Presidente Maurizio Zamparini comunica di aver rassegnato le dimissioni dalla carica di Presidente del Palermo Calcio.

Entro quindici giorni verrà nominato il nuovo Presidente, che verrà presentato a Palermo in conferenza stampa.

Il nuovo Presidente è membro e rappresentante di un fondo anglo-americano, che si è contrattualmente impegnato ad investire nei progetti del Gruppo Zamparini con priorità iniziale negli investimenti del Palermo Calcio e negli impianti sportivi da realizzare a Palermo, ovvero lo stadio ed il centro sportivo.

Obiettivo degli investitori sarà riportare il club nella posizione che la città merita, quella EUROPEA, con un programma di 3-5 anni.

Maurizio Zamparini

Con queste poche parole, nei giorni scorsi, è stato ufficializzato il finale della storia tra il Palermo e Zamparini e contestualmente il nuovo corso del club rosanero, situazione che porta con se due diverse conseguenze che, più o meno ironicamente, potremmo definire storiche per il club rosanero.

Da una parte è l’inizio di una nuova era, dall’altra Diego Lopez sarà l’unico degli ultimi anni ad essere stato ingaggiato ma non esonerato da Zamparini.

La cosa alquanto è rara in quel di Palermo visto che la prima squadra del club durante la sua presidenza, iniziata nel 2002, ha cambiato 28 allenatori.

Bisogna riconoscere che la presidenza di Maurizio Zamparini ha portato la società rosanero a risultati incredibili e storici come le qualificazioni in Europa e la vittoria del Campionato Primavera.

Non ci resta ora che vedere quali nuovi traguardi porterà òla nuova presidenza.

Il tutto senza dimenticare che il nuovo gruppo societario potrà agire sul calciomercato solo a partire dall’ estate, e considerando che  la lotta retrocessione sembra ormai alquanto segnata e di certo non in positivo per il Palermo.

Dimitri Petta.

Precedente Ranieri esonerato: un calcio alla gratitudine o al sogno? Successivo La Tim Cup, i derby e l'orario "proibito"

Lascia un commento

*