Il calcio è un altra cosa

essere altra bilanci sto Moggi facile ignorante campo quelloMi sono veramente stufato di sentir parlare, da una parte o da unl’altra, di due giocatori che durante la settimana sembrano pensare più a litigare e punzecchiarsi a vicenda (neanche privatamente ma sui social network) e meno alle cose realmente importanti: la dignità personale, il rispetto e la professionalità, tutto questo coadiuvati dalla fidanzata di uno di loro che è l’ex moglie dell’altro.

Inutile dire che mi sto riferendo al triangolo Maxi Lopez – Wanda Nara – Mauro Icardi: un triangolo dal quale a mio avviso non esce bene nessuno:

  • Lei non sembra di certo una mamma modello visto che, oltre a render pubbliche “questioni” che anche solo per rispetto e decenza dovrebbero rimanere private, permette al giovane compagno di fare foto con i figli da usare come ripicca all’ex marito: chissenefrega della privacy e della protezione che i piccoli meriterebbero
  • Poi c’è lui, Maurito, che per come si comporta sui social più che il nuovo compagno sembra un figlio adolescente che si esalta per ogni “traguardo” raggiunto con la Milf di turno senza rispetto per se stesso e per gli altri e senza alcuna decenza (oltre alle suddette foto ricordate l’hashtag #quindicina ?)
  • Infine l’altro, colui che forse Boskov chiamerebbe “cervo che esce di foresta” e che forse, tra i tre, è la vera vittima (figli a parte): Maxi infatti non fa molta scena ma difende la sua persona e cerca come può di difendere i figli, conscio dei pericoli che certa esposizione può dare. La diatriba comunque non giova neppure a lui.

Un peso non poco importante nella vicenda, oltre ai social network, lo hanno di certo i media: è anche, se non soprattutto, grazie a loro che le vicende dei tre soggetti di cui sopra sono diventate così velocemente di dominio pubblico e che gli attaccanti di Sampdoria ed Inter vengono trattati più come personaggi da gossip piuttosto che come calciatori.
A mio parere non è infatti un caso che le ultime vicende del “triangolo argentino” vengano tirate fuori a poche ore dalla sfida tra Sampdoria e Inter, ma così facendo anche la partita diventa un regolamento di conti e ci si dimentica che così non è: dovrebbe essere una partita di calcio come le altre, ma forse il calcio…è un’altra cosa.

Dimitri Petta

Precedente Non insegnate ai bambini... Successivo La "Fiera dell'assurdo" è finita: Ace, ora pensa a guarire.

Lascia un commento

*