La nuova Juventus della Vecchia Signora

mole granata primato pessotto buffon outsider mattiello juventus vecchiaVisti i risultati del week end in particolare, ma in generale di tutta questa stagione, è innegabile che la Juventus stia vivendo una seconda gioventù dopo la retrocessione ed il ritorno in Serie A.
Di qui il gioco di parole del titolo.

Ma questo merito va equamente diviso tra la dirigenza, mister Allegri, i giocatori e… l’ex allenatore ed attuale CT azzurro, Antonio Conte.

Posso capire che alcuni possano non capire o criticare questa mia ultima affermazione, ma credo che nessuno possa disconoscere che proprio Conte, nei suoi anni da allenatore bianconero, abbia posto le solide basi sulle quali ha poi lavorato l’allenatore toscano

I meriti di Allegri sono quelli di un allenatore che ė riuscito a migliorare una già bellissima situazione, riuscendo già in un solo anno a dare una propria impronta alla squadra: un’impronta premiata dai risultati visto che, oltre al quarto scudetto consecutivo “appena” conquistato, ha portato la squadra a conquistare l’accesso alla semifinale di Champions League, che mancava dal 2003.

Ecco, la Champions League: ora, vinto lo Scudetto, la Juventus di Allegri potrà concentrarsi più facilmente ed intensamente sul doppio incontro con il Real Madrid di un altro ex mister bianconero, Carlo Ancelotti e, da italiano appassionato di calcio, spero vivamente possano andare avanti nella competizione e puntare al titolo.

Complimenti e cento di questi traguardi, Vecchia Signora.

Dimitri Petta

Precedente Carpi Diem: una nuova favola del calcio italiano Successivo Serie B: verdetti sorprendenti

Lascia un commento

*