Ferrero: un uomo, un personaggio

viperetta,decaduto viperetta soluzioneCredo sia innegabile che quest’anno il calcio italiano abbia trovato nel presidente della Sampdoria. Massimo Ferrero, detto “viperetta”, un personaggio unico e fuori dagli schemi.

“Er Viperetta” (questo, per chi non lo sapesse, il suo soprannome) è un vero e proprio fiume in piena e dopo le avances a Ilaria D’Amico, le risposte a Gasperini e le imitazioni Crozziane, Ferrero ha saputo crearsi un vero e proprio personaggio TV che spazia dalle trasmissioni sportive (come Tiki Taka) a quelle satiriche (come Striscia la notizia) con un modo di fare che non ti fa mai capire, come si suol dire, se ci è o ci fa.

Intendiamoci io, pur tifando per la squadra cittadina opposta alla sua, ho molto rispetto per Ferrero ed anzi mi sta anche simpatico, anche se alcune sue uscite non le condivido (ad esempio quella in cui ha dato del filippino al presidente dell’Inter Thohir…).
Più volte ho detto di avere il desiderio di conoscerlo, perchè ho la curiosità di capire se è davvero così stralunato ed imprevedibile o, se così non fosse, come nasce il personaggio Ferrero: non mi interessano, in questo caso, i colori della maglia, ma la persona.

Magari questo desiderio non si avvererà mai, ma ne ho un altro che difficilmente non vedrò realizzato: spero che Massimo Ferrero (che si vinca o che si perda, chiunque arrivi sopra in campionato nella rivalità cittadina) non faccia mai mancare le sue uscite: anche queste fanno parte del lato bello del calcio.

Dimitri Petta

Precedente Le parole sono importanti Successivo Supercoppa: l'ultimo "atto" prima di Natale

Lascia un commento

*