Debiti Parma: Taçi non lo sapeva? C’è chi dice che…

manenti anche giallo Parma-Torino Ghirardi cassano manenti league crollo non manent Parma Calcio Taçi Parma Calcio 1913 leagueNuovo capitolo della vicenda legata alla situazione del Parma FC. E si torna a parlare di Rezart Taçi.

Secondo Roberto Giuli, socio di minoranza della società crociata, infatti “Il debito è di 56 milioni, il capitale è totalmente azzerato. I dati riportati ci costringono a immettere del capitale liquido per ricostruire la situazione finanziaria. Nel caso in cui ci siano realmente i soldi, è necessario metterli nelle casse della società. Ad oggi non c’è nulla, la verità è questa. Bisogna dimostrare che esistono garanzie. I debiti tributari (Iva e Irpef) ammontano a 30 milioni, se verranno coperti il Parma non fallirà…Chi è entrato nel Parma dopo Tommaso Ghirardi ha scoperto una situazione che non conosceva. Qui non c’è neppure il denaro per comprare il caffè. Il bilancio dal quale ci siamo astenuti portava una perdita di 13 milioni ed era relativo al giugno del 2014. Noi abbiamo ritenuto che non fosse veritiero. Al 31 dicembre 2014 c’erano 50 milioni di debiti. Attualmente siamo a 56 milioni. Non c’è modo di verificare i conti del Parma. Il collegio ha preso atto della nostra contrarietà, ora la società deve essere messa in liquidazione”

L’imprenditore albanese non sarebbe stato dunque, secondo Giuli, a conoscenza della reale situazione crociata ma secondo un altro presidente di serie A, Enrico Preziosi, Taçi (che in passato sembrava essere vicino all’acquisto del Milan e che avrebbe tentato anche di acquisire il Genoa, ndr)  non sarebbe stato in grado di mantenere saldamente gli impegni che diceva di voler portare a termine, tanto che lo stesso patron rossoblu avrebbe anche avvisato Ghirardi dell’esperienza avuta:“Taçi l’ho contattato tramite un avvocato e l’ho incontrato in un albergo, mi sembrava inizialmente una persona decisa con obiettivi importantissimi, poi mi è parso un po come il Manenti della situazione e siccome se devo lasciare il Genoa lo devo fare in mani sicure ho interrotto i rapporti ed avevo anche avvisato Ghirardi di questo.

Dove stia la verità ovviamente non lo so, ma questo capitolo del “Caso Parma” potrebbe aprire, in caso di tentativi di acquisizione di club in futuro, un vero e proprio “Caso Taçi”

Dimitri Petta

 

Precedente Presidenti e satira: Manenti ultimo protagonista Successivo Un(a) Barça in alto mare

Lascia un commento

*