Gigi Buffon e il nuovo primato

mole granata primato pessotto buffon outsider mattiello juventus vecchiaIn questi giorni ho avuto poco tempo per scrivere ma molto per pensare e valutare le notizie che sentivo o leggevo in giro e di certo la prima che mi ha colpito riguarda il nuovo primato raggiunto dal portiere della Juventus e della Nazionale, Gianluigi Buffon.

Come tutti saprete, infatti, l’estremo difensore è stato da poco insignito del premio “Golden Foot 2016” e se è vero, come è vero, che Buffon non è stato il primo italiano ad essere insignito del premio annualmente consegnato da Alberto di Monaco nel proprio principato, è altresì vero che l’estremo difensore classe 1978 è l’unico rappresentante del suo ruolo ad aver ottenuto tale onorificenza in assoluto (gli unici portieri collegabili al trofeo prima di lui – vedi Dino Zoff – infatti, lo sono perchè inseriti nel particolare elenco riservato alle “Leggende del calcio” che viene aggiornato con nuovi ex calciatori selezionati annualmente).

Per chi non lo sapesse, il Golden Foot Award è un premio internazionale destinato a calciatori che abbiano compiuto almeno 28 anni i quali si siano distinti,  a livello individuale o di squadra, nonché per la loro personalità.

Dopo raggiungimento di tale primato, credo quindi possa essere molto più lontano il momento in cui le tante voci sul nome dell’erede di Buffon in Nazionale si fermeranno per lasciare spazio alla decisione definitiva: Ventura e, forse, il suo successore avranno ancora molto tempo per fare le dovute prove e le dovute valutazioni del caso.

Per adesso non posso fare altro che mandare, tramite le modeste righe di questo blog, all’estremo difensore bianconero ed Azzurro le mie più sentite congratulazioni per il premio – primato che va ad arricchire ulteriormente e meritatamente la sua “bacheca” dei trofei e dei record, siano stati questi raggiunti a livello individuale, di club o legati alle varie rappresentative nazionali.

Dimitri Petta

 

Precedente Manchester e la nuova favola del calcio Successivo Calcio e disabili: c'è molto da fare

Lascia un commento

*