#AtalantaGenoa – L’ “allievo” fa visita al “maestro”

AllievoNon sarà di certo una sfida importante per la lotta – Scudetto come quella tra Juventus e Napoli (che andrà in scena Sabato alle 20:45), ma anche la gara tra Atalanta e Genoa (calcio d’inizio alle 12:30 di Domenica) ha  a mio avviso un fascino particolare visto che sulle due panchine si incroceranno Gian Piero Gasperini e Ivan Juric o, se vogliamo usare qualche metafora tra il serio ed il faceto ma sempre con il massimo rispetto per i soggetti coinvolti, il “Maestro” e l’ “Allievo”.

Già, perchè la carriera da giocatore dell’attuale allenatore del Genoa è finita sotto la guida dello stesso allenatore che ne ha permesso, in un certo senso, l’inizio di quella da allenatore inserendolo nel proprio staff tecnico (dopo una prima stagione nello staff della Primavera rossoblu): ecco spiegate le definizioni metaforiche di cui sopra. Ma non è finita qui…

Infatti, da quando Juric ha iniziato la propria carrriera da allenatore non si è mai scontrato, secondo quanto mi risulta, con Gasperini ed ora è quindi arrivato il momento per l’ “allievo” di superare l’ennesimo “esame” (sempre andando per metafore) in una partita resa ancora più interessante dalla bella serie di risultati inanellati dal mister di Grugliasco (dopo un non semplice inizio in quel di Bergamo) e dalla bella serie di prestazioni (talvolta non seguite dai risultati sperati) inanellate dal mister croato: fattori che, insieme, hanno portato ad una classifica che vede, tra Orobici e Grifoni, una sola lunghezza di differenza.

Non si deve poi dimenticare un terzo aspetto: Juric è arrivato a sedersi sulla panchina della prima squadra del Genoa (dopo due esperienze complessive su quella della Primavera rossoblu) proprio in sostituzione del Gasp, quindi quella tra Atalanta e Genoa può a tutti gli effetti considerarsi una gara tra il recente passato ed il presente rossoblu, rappresentati da due persone (ancor prima che due allenatori) che hanno sempre mantenuto ottimi rapporti.

Tutto questo è Atalanta – Genoa.

Dimitri Petta

Precedente Viva la giovane Italia del calcio Successivo Finisce pari il primo derby "cinese" nella "Scala del calcio"

Lascia un commento

*