Ad ogni stadio il proprio nome

stadioOgni stadio ha un suo nome e questo è cosa nota.

Da qualche anno a questa parte però molti giornalisti sportivi, specialmente telecronisti e commentatori tecnici, sembrano talvolta dimenticarsene preferendo dare ad alcuni degli impianti dai quali scrivono o trasmettono il nome del quartiere dove sono situati anzichè la denominazione “ufficiale”.

Questa situazione si verifica soprattutto a Genova e Milano dove rispettivamente lo stadio Luigi Ferraris e lo stadio Giuseppe Meazza vengono spesso chiamati “Marassi” e “San Siro

Premettendo che sono pienamente consapevole del fatto che l’impianto milanese fino al 1980 veniva effettivamente chiamato “Stadio San Siro”, a differenza della denominazione “Marassi” che non è mai stata quella ufficiale dell’impianto genovese, non mi sembra comunque giusto  per svariati motivi il fatto che gli Stadi italiani non debbano essere chiamati con il loro nome attuale (fatti salvi i soprannomi come “Scala del calcio”) e, come direbbe l’incazzatore personalizzato di Enzo e Sal (Made in Sud), “M’aggià sfugà n’copp a sta cos”.

Se ad uno Stadio è stato dato un certo nome è, molto spesso, per ricordare personaggi importanti per una determinata squadra,città o molto più semplicemente per il mondo del Calcio in generale e non vedo quindi perchè quella denominazione non debba essere citata.
Sempre stando sugli esempi citati sopra, per chi non lo sapesse, lo stadio genovese e quello meneghino sono intitolati a due personalità di rilievo, non solo calcistico:

  • Luigi Ferraris, oltre ad essere stato un centrocampista del Genoa CFC, è stato ingegnere e militare italiano caduto nella prima guerra mondiale ed insignito della medaglia d’argento al valore. Andato in guerra come volontario, giunse sino al grado di tenente e cadde durante una missione in Val Posina, valle minore della Val d’Astico nel comune di Posina (VI).Durante la cerimonia di intitolazione dello stadio è stata sotterrata, in prossimità della porta di gioco situata sotto la Gradinata Nord, la sua medaglia d’argento al valor militare.
  • Giuseppe Meazza è stato invece un grande calciatore italiano vincitore di svariati trofei con la Nazionale (tra i quali i Mondiali del 1934 e 1938) e scopritore di futuri talenti, poi diventati grandi campioni anch’essi, quali Sandro Mazzola. Ha militato sia nel Milan che nell’Inter (con cui ha vinto 2 Scudetti ed 1 Coppa Italia) che nella Juventus. Nel 2011 è stato inserito nella Hall of Fame del calcio italiano.

Per rispetto a questi ed agli altri grandi personaggi cui spesso gli stadi vengomo intitolati (per citarne altri Artemio Franchi e Nereo Rocco), oltre che per tutti coloro che hanno amato ed amano questi personaaggi, credo dunque sia giusto dare ad ogni stadio il proprio vero nome, perchè ad ogni nome è legata una storia ed ogni storia è, a modo suo, importante

Voi che ne pensate?

Dimitri Petta

Precedente FIGC: frasi dubbi ed ipotesi Successivo Le parole sono importanti

Lascia un commento

*