La “Fiera dell’assurdo” è finita: Ace, ora pensa a guarire.

ace neroverde storica europeo sassuoloNon lo conosco personalmente ma ogni buona notizia che lo riguarda mi rende felice come se si parlasse di un mio amico: sto parlando di Francesco Acerbi, detto Ace, difensore del Sassuolo che in questi ultimi anni sta combattendo su vari fronti.

Oltre alla battaglia per la propria salute (doppio tumore ai testicoli), che sta pian piano vincendo tanto che è già tornato ad allenarsi con i neroverdi, Francesco ha infatti vissuto un momento difficile dovuto alla sospensione ed al rischio di squalifica a causa di un controllo antidoping al quale (a causa dei medicinali presi per combattere la suddetta malattia) era risultato positivo: una situazione a dir poco surreale che oggi finalmente può dirsi chiusa.

E’ proprio di oggi infatti la notizia che il TNA ha “accolto la richiesta di archiviazione dell’Ufficio di Procura Antidoping dichiarando l’atleta Francesco Acerbi, tesserato per la Federazione Italiana Giuoco Calcio con la società U.S. Sassuolo, non responsabile di alcuna violazione della normativa antidoping.”

Come ha detto il suo avvocato, Mattia Grassani, giustizia è fatta: ora, caro Francesco, aspetto di rivederti in campo, certo che il tuo ritorno non è poi così lontano.

Forza Ace

Dimitri Petta

Precedente Il calcio è un altra cosa Successivo Un clic su Twitter? Per alcuni non è niente, per altri invece...

Lascia un commento

*