2016/2017: la stagione delle promozioni storiche

promozioni porta contemporaneità stadi 8 maggio inizia eliminazione agnelli montolivo FIGC federali Tavecchio Prandelli impegni stage dubbi italia di Conte Carlo Tavecchio paletta codice Nazionale guidolin bonucci europeo under 21 venturaInutile negarlo, se c’è mai stata una stagione calcistica in cui la maggior parte delle promozioni può essere definita storica… beh credo che sia proprio questa.

Due delle tre promozioni dalla serie cadetta alla massima serie, infatti, sono state centrate da squadre neopromosse dalla Lega Pro (o Serie C) e, se della situazione della Spal mi sono già occupato in passato su questo blog, credo sia ora il caso di notare perché anche per il Benevento non è affatto un errore parlare di promozione storica

La motivazione è, in questo caso, duplice: da un lato c’è, infatti, il fatto che la società campana è arrivata in Serie A 88 anni dopo la sua prima fondazione (1929, alla quale sono seguite le rifondazioni del 1953, del 1990 e del 2005, ndr) e dall’altro c’è il fatto, collegato a quanto descritto poc’anzi, che questa è in assoluto la prima promozione in Serie A dei giallorossi.

Quanto a storicità, però, anche le squadre salite dalla Lega Pro alla Serie B nella stagione 2016/2017 ma, in questo caso, è necessario un approfondimento:

  • GIRONE A – CREMONESE. Del come si sia arrivati a questo risultato per i grigiorossi mi sono già occupato, ma in quell’occasione non avevo sottolineato il motivo per il quale questa può essere annoverata tra le promozioni storiche: erano infatti ben 11 anni che le Tigri mancavano dalla cadetteria (ultima retrocessione in Serie C nella stagione 2005 – 2006).
  • GIRONE B – VENEZIA. Intanto questa promozione è storica per il mister dei lagunari essendo la prima della sua carriera da allenatore, ma la storicità di questa promozione non si ferma a questo rappresentando anche il ritorno del Venezia in Serie B dopo due rifondazioni (fondato nel 1907, prima rifondazione nel 2005 e la seconda nel 2015) e dopo 12 anni dall’ultima volta (ultima retrocessione in C1 nel 2004 – 2005, in coincidenza con il “caso Genoa”).

  • GIRONE C – FOGGIA. I satanelli tornano in cadetteria dopo due rifondazioni (fondata nel 1920, la società è stata rifondata nel 1984 e nel 2012, ndr), dopo due tentativi concreti (l’anno scorso persero la finale Playoff, ndr) ma, soprattutto, dopo 19 anni dall’ultima apparizione in Serie B (correva la stagione 1997 – 1998). 
  • PLAYOFF – PARMA. Conclusa la regular season in seconda posizione del Girone B, la squadra gialloblu ha affrontato la trafila dei Playoff arrivando, questo Sabato, a battere in finale l’Alessandria (seconda nella classifica del Girone A) per 2 a 0.
    Il percorso dei ducali è però particolare rispetto a quello delle promozioni sopra citate e descritte: delle vicende del caso Parma mi sono occupato più volte in questo blog quindi, per sintetizzare, credo di poter dire che la promozione di Lucarelli e compagni è storica perché riporta, in due anni dalla forzata ripartenza dalla Serie D della nuova società, la squadra in quello che doveva essere il campionato di competenza prima dell’ultima retrocessione e del relativo fallimento (stagione 2014 – 2015).

E voi cosa pensate di queste promozioni?

Dimitri Petta

Precedente Calciomercato: tra voci e realtà... Successivo Under 21: vittoria e proteste alla prima dell'Europeo

Lascia un commento

*