Un ascensore privilegiato

ascensore mondo Serie A regina del commissario var boxing day serie a tecnologia salvezza campionato carpi inizio panchine genitori weekend tim novità capolista giovane abbandono 18 squadre favole regina disabili Moviola testata rosa pesi terzaL’opinione che i tifosi, i giornalisti e le società hanno su un allenatore sembra sempre più variare a seconda dei risultati, salendo e scendendo molto velocemente come in un immaginario ascensore del gradimento e della reputazione.

Questo mi ha fatto tornare in mente un pezzo che giusto qualche giorno fa un amico nonché redattore di Canale Genoa, Luca Ferrari, mi aveva proposto per il sito ma che avevo pensato, appena ne avessi avuto l’occasione, di proporvi qui.

Dimitri Petta
__________________________________________________________________________________________

Patria della contraddizione, l’Italia pallonara, deve necessariamente fare i conti anche con la schizofrenia di tifosi ed addetti ai lavori. Innamoramenti più o meno giustificati, tradimenti e divorzi sempre più frequenti.
No, non stiamo parlando della prossima soap, ma di ciò che avviene, con una regolarità impressionante, nel dorato mondo del calcio.

Alzi la mano chi non aveva etichettato Stramaccioni come un prodigio di allenatore già dopo due sole partite di serie A.
Ora alzi la mano colui che gli aveva attribuito impietosamente l’etichetta di “pirla” della panchina, prima e dopo che il suo ex mentore Moratti ne sancisse l’esonero e quindi l’oblio.
Bene, ora ci siamo di nuovo “Strama” è incoronato come il novello Alex Ferguson, almeno fino a quando non farà registrare qualche risultato negativo.

Il mister è salito al piano terra su quel “meraviglioso” ascensore dal quale è sceso l’ex Don Raffaé al secolo Rafa Benitez.
Fino a poco tempo fa un signore della panchina, oggi un allenatore fuori moda, pazzo a fare il turn over e concentrato più sul suo “ego” che non sulle sorti della societá di De Laurentis.

Solo due minimi esempi di come nel calcio bisognerebbe avere più pazienza e meno frenesia.

Seedorf, Berlusconi ed Inzaghi ? Un’altra storia, ma stesso ascensore…

Luca Ferrari

Precedente Nessuno "tocchi" Florenzi Successivo Juventus-Roma: problema Parlamentare

Lascia un commento

*