Serie A: Tavecchio commissario e altri cambiamenti

commissario var boxing day serie a tecnologia salvezza campionato carpi inizio panchine genitori weekend tim novità capolista giovane abbandono 18 squadre favole regina disabili Moviola testata rosa pesi terzaDopo svariati tentativi di eleggere un presidente andati a vuoto, la Lega Serie A è stata commissariata ed il ruolo di commissario è stato affidato al presidente della FIGC Carlo Tavecchio.

Neanche il tempo di ufficializzare la nomina del nuovo commissario che subito sono partite le indiscrezioni sulle modifiche che il massimo campionato calcistico italiano potrebbe subire a seguito della stessa e di certo, se tutte fossero confermate, credo sia prevedibile la partenza di un tourbillon di polemiche e dibattiti non solo mediatici, ma andiamo con ordine:

  • Ormai certo è innanzitutto che la Var vedrà la luce nel nostro campionato già dalla prossima stagione (situazione della quale mi ero già occupato ieri): questa prima novità, come ha ricordato il neo commisario, è stata sollecitata dallo stesso all’allora presidente FIFA Joseph Blatter nel 2014 (qui il video – fonte Sportmediaset – con i casi in cui verrà utilizzata).
  • Sembra ormai certo, anche se non ancora ufficiale, anche lo spezzettamento delle singole giornate di campionato (l’ipotesi riportata sul web è la seguente: tre gare il sabato in tre orari diversi; una gara la domenica alle 12:30, tre alle 15, una alle 18, una alle 20,45; una partita il lunedì alle 20:45): “In Spagna è già così” ha spiegato Tavecchio spiegando che  gli orari dovranno essere decisi “in funzione dei diritti tv e dei fusi orari del mondo -ha detto Tavecchio-. Bisognerà compendiare le due cose con un risultato accettabile. E’ un problema di vendita di diritti, di mantenimento dei costi stellari delle grandi organizzazioni. Davanti a questi fatti  bisogna prendere atto”.
  • Ultima riforma ipotizzata dal neo commissario riguarda l’introduzione di Playoff e Playout nel massimo campionato italiano, un’idea ancora da studiare ma sulla quale, secondo quanto riportato qualche giorno fa da Sportmediaset, Tavecchio punterebbe molto per rendere pià avvincente la competizione: “a livello dilettantistico e nel calcio a 5 nazionale già esistono” le sue parole.

Personalmente credo che quasi tutte le idee prospettate possono avere dei pro e dei contro e nello specifico penso che:

  • La Var possa essere utile se ben utilizzata e se la tecnologia verrà protetta da possibili “attacchi” (con i mezzi tecnologici questo rischio esiste)
  • Lo spezzettamento degli orari possa essere utile da un punto di vista economico (questione diritti tv tirata in ballo dallo stesso commissario) ma scomodo per i tifosi che si ritroveranno, a mio avviso in maggiori difficoltà specialmente in alcuni degli “slot” sopra elencati
  • I playout possano essere, in Serie A, molto più utili dei playoff, anche se questi ultimi potrebbero evitare eventuali strapoteri di una sola squadra (come sta avvenendo in questi anni con la Juventus) rendendo più avvincenti i finali di stagione.

Voi cosa ne pensate?

Dimitri Petta

Precedente Champions: Derby con vista su Cardiff (e con polemiche) Successivo  Un'amicizia e mille emozioni intorno a... un pallone

Lascia un commento

*