Presidenza FIGC: i programmi dei candidati

simeone Presidenza FIGCIl giorno della verità potrebbe essere arrivato: è infatti in corso la prima riunione dei 279 delegati, provenienti dalle varie leghe, dall’associazione calciatori, da quella degli arbitri e da quella degli allenatori per decidere a chi verrà affidata la Presidenza FIGC dal 2017 al 2020.

Candidati alla Presidenza sono il presidente uscente Carlo Tavecchio ed il presidente dimissionario della Lega Serie B Andrea Abodi ma volendo capire di più sulle loro intenzioni ho cercato, e trovato i rispettivi programmi che il sito di Sky Sport riassume così:

TAVECCHIO:

• Serie A con 20 squadre con 2 retrocessioni (risparmio di 30 milioni da reinvestire in B e Lega Pro).
• serie B a 20 squadre con 2 promozioni e 3 retrocessioni.

• Lega Pro con 40 squadre divise in due gironi
• Apertura alle seconde squadre dei club di A in LegaPro, a patto che non abbiano diritto di voto e che le seconde squadre non siano coinvolte in promozioni/retrocessioni
• Apertura di altri 180 centri federali territoriali nel prossimo quadriennio: saranno impiegati 1200 tecnici con un budget annuale di 10 milioni
• Introdurre il regime di fair play finanziario dalla stagione 2018/2019

ABODI:

• Riforma campionati sulla base della concertazione privilegiando parametri qualitativi a quelli quantitativi
• Ammodernamento degli stadi sulla base dell’esperienza di B-Futura
• Revisione della giustizia sportiva con uso della tecnologia per snellire le procedure
• Modifica dei criteri per la responsabilità oggettiva qualora le società abbiano adottato modelli organizzativi idonei a prevenire illeciti
• Valorizzazione del brand per incrementare i ricavi
• Controlli più efficienti sul fair play finanziario collaborando con le Leghe

E’ a mio avviso innegabile che entrambi i candidati alla Presidenza abbiano presentato, stando a questi elenchi, argomentazioni giuste e convincenti e credo che tutto venga deciso dalle priorità che si vogliono dare per l’immediato futuro del nostro calcio.

A inizio post ho detto che il giorno delle decisioni potrebbe essere arrivato poichè per definire in prima convocazione l’assegnazione della Presidenza FIGC serve una maggioranza dei tre quarti dei voti totali e viste le divisioni non sono certo che questa condizione poossa essere facilmente raggiunta, ma spero di sbagliarmi.

Nelle altre due eventuali votazioni servirà una maggioranza dei 2/3 prima e una maggioranza semplice poi.

Voi da che parte state?

Dimitri Petta

Precedente Derby di Genova: una "nuova" chiave di lettura  Successivo Una (ex) Iena a Palermo: Paul Baccaglini è il nuovo presidente

Lascia un commento

*