Europa League storica… comunque vada

ace neroverde storica europeo sassuoloPer quanto riguarda il nostro Paese, l’edizione 2016/17 dell’Europa League sarà storica comunque vada a finire ed il “merito” di tutto questo è senza dubbio della qualificazione alla fase a gironi della suddetta competizione da partre del Sassuolo di mister Di Francesco, vera sorpresa della scorsa Serie A che ha iniziato il nuovo campionato con una penalizzazione non da poco.

I neroverdi hanno raggiunto tale traguardo con un’altrettanto storica doppia prestazione dai risultati “fotocopia” (1-1 in trasferta e 3-0 in casa) con Lucerna prima e Stella Rossa di Belgrado poi ed ora se la dovranno vedere con altri club sicuramente più esperti a livello internazionale ma non così difficili sulla carta, almeno per 2/3: i prossimi avversari europei saranno infatti il “proibitivo” Athletic Club di Bilbao e le più “abbordabili” Genk e Rapid Vienna (quest’ultima di certo non pericolosa come in passato).

Personalmente, pur non essendo tifoso del Sassuolo, credo e spero che la società del patron Squinzi possa fare un nuovo passo in avanti per rendere ancora più importante la nomea del club a livello internazionale oltre che storica la propria prima partecipazione alla competizione: il segreto, e gli uomini di Di Francesco sembrano averlo capito, potrebbe risiedere nella capacità di pensare partita per partita mantenendo sempre alta la concentrazione e senza fare voli pindarici prima del tempo.

Delle prestazioni europee del Sassuolo (oltre che di quelle di Inter,Roma,Napoli,Juventus e Fiorentina), inoltre, beneficierà di certo tutto il calcio italiano grazie alle variazioni del ranking UEFA (criterio valido sino al 2018): un motivo in più per dire, almeno a livello internazionale per chi abitualmente non tifa i neroverdi, Forza Sasol.

Dimitri Petta

Precedente Serie A: non salutate la capolista  Successivo Terremoto: tra rispetto e calcio che si ferma (ad Ascoli)

Lascia un commento

*