Cassano non ci sta e le voci…

anche giallo Parma-Torino Ghirardi cassano manenti league crollo non manent Parma Calcio Taçi Parma Calcio 1913Non è di certo una novità che la situazione economica del Parma sia con Ghirardi che post-Ghirardi non fosse delle più rosee nè tantomeno delle più chiare e se molti dei tesserati stanno perlomeno provando a lavorare nonostante non possano smentire una situazione quantomeno curiosa, c’è qualcun’altro che non è riuscito a farlo e come tutti sappiamo il primo a non esserci riuscito (e chissà se sarà l’ultimo) si chiama Antonio Cassano.

Il talento di Bari Vecchia ha infatti deciso di rescindere il suo contratto coi crociati (come ufficializzato anche dalla società dell’ad Leonardi) e di spiegare le sue motivazioni, che non riguardano solo i tesserati ma anche i semplici dipendenti del club, in un’intervista a Tiki Taka Lunedì sera.

Questa decisione non poteva però non scatenare il solito tourbillon di voci di mercato su Cassano: dal Bari alla Sampdoria, dall’Inter al Genoa passando per l’estero (ipotesi, quest’ultima, scartata dallo stesso giocatore che si è detto disposto a lasciare anche il calcio).

Questa situazione legata a Cassano mi porta ad un ragionamento per me affatto nuovo, ma che forse sarebbe meglio ribadire: aldilà delle dichiarazioni di rito, il lettore, lo spettatore o se preferite il tifoso dovrebbe stare attento a ciò che legge/ascolta e cercare di capire quali voci di mercato siano più attendibili di altre e quindi capire come reagire alle varie voci del calciomercato, aldilà della squadra e dei nomi.

Forse saranno parole al vento, forse (e spero di) no, ma questo è il mio pensiero. Sempre nel rispetto di tutti.

Dimitri Petta

 

 

Precedente Il fuorigioco? Questione “di unghie” Successivo E Tavecchio "scoprì" la tecnologia

Lascia un commento

*