Cagliari e il “triangolo” non considerato

riva Triangolo SardegnaNella settimana sanremese non potevo non trovare un titolo che citasse, almeno parzialmente, una canzone entrata nella storia della musica italiana: “Triangolo” di Renato Zero.

La citazione musicale ha però un senso anche dal punto di vista calcistico visto che la vicenda, parzialmente chiusasi ieri a cinque anni dai fatti, ha coinvolto tre soggetti importanti per la Cagliari calcistica, creando tra di loro un vero e proprio triangolo: l’ex patron Massimo Cellino, l’ex allenatore dei sardi Davide Ballardini e, suo malgrado, l’attuale patron dei rossoblù isolani Tommaso Giulini.

La vicenda, forse non nota a tutti, riguarda il licenziamento operato dall’ex presidente nei confronti del mister, situazione che ha portato ad una causa giudiziaria non Ballardini e Cellino, ma tra il tecnico e la società del Cagliari Calcio (ora rappresentata dalla nuova dirigenza e quindi da Giulini): situazione che, come detto, si è parzialmente conclusa con la definizione dell’illegittimità del licenziamento “per giusta causa” alla quale dovrà ora succedere un’altra sentenza che definirà l’entità economica del risarcimento che il Cagliari (e quindi l’attuale dirigenza) dovrà corrispondere al tecnico di Ravenna.

Ora, volendo commentare in modo ironico la notizia, sempre nel pieno rispetto dei soggetti coinvolti, lasciatemi dire che la “cover” di Renato Zero la potrebbe tranquillamente (almeno parzialmente) interpretare il neo patron del club isolano che, dopo aver risarcito il tecnico per un’azione non compiuta da lui, potrebbe cercare un contatto con l’ex massimo dirigente della società e cantargli: “L’indirizzo ce l’ho, rintracciarti non è un problema. Ti telefonerò… il pretesto lo sai… “.

A parte gli scherzi, aspettiamo l’entità del risarcimento che verrà decisa dal giudice, ma ancor prima di questo mi sento di dire che Giulini (ripeto, se non ci fossero stati precedentii accordi o comunque dialoghi tra l’ex patron ed il nuovo) avrà una bella gatta da pelare a livello economico: per fortuna che la salvezza, a livello sportivo, sembra non essere un problema per gli uomini di Rastelli.

Dimitri Petta

Precedente Quando il calcio arriva al Teatro Ariston Successivo Maradona: ufficiale l'incarico FIFA. Aspettando Napoli?

Lascia un commento

*